Viaggi in Grecia tra illusione e realtà (Ottocento e Novecento)

Metadatas

Date

2011

type
Language
Identifiers
License

info:eu-repo/semantics/OpenAccess


Keywords

Santorre di Santa Rosa Gabriele d'Annunzio Giovanni Comisso Lalla Romano Andrea De Carlo Grecia viaggio

Cite this document

Brigitte Urbani, « Viaggi in Grecia tra illusione e realtà (Ottocento e Novecento) », Hyper Article en Ligne - Sciences de l'Homme et de la Société, ID : 10670/1.ujigfd


Metrics


Share / Export

Abstract It

Lo scopo di questo studio è di mettere in rilievo il divario presente tra l’idea che il viaggiatore italiano dell’Ottocento e del Novecento si fa della Grecia, un’Ellade nutrita di miti classici, e la realtà incontrata, spesso deludente; poi di sottolineare il progressivo abbandono, dagli anni Cinquanta in poi, della ricerca di una Grecia « mentale » a profitto di un’accettazione più serena della realtà o dell’elaborazione di un altro mito che viene a sostituirsi a quello intellettuale classico.Il corpus sul quale si lavorerà si compone di cinque testi molto diversi ma rappresentativi a modo loro: una serie di lettere scritte da Santorre di Santa Rosa nel 1825; il primo libro delle Laudi del cielo, del mare, della terra e degli eroi di D’Annunzio, Maia; una relazione di viaggio di Giovanni Comisso, Approdo in Grecia; il Diario di Grecia di Lalla Romano; e, per finire, parte di un romanzo di Andrea de Carlo, Due di due.Nei cinque casi, si tratta di un primo viaggio in Grecia, effettuato via nave.

From the same authors

Similar documents