'Viene Antonio e non rimane niente': sulla rivisitazione della canzone Onda Calabra nel film Qualunquemente

Metadatas

Date

June 22, 2016

Language
Identifiers
License

info:eu-repo/semantics/OpenAccess


Keywords

demonizzazione appropriazione coloniale calabria musica cinema

Cite this document

Marcello Messina, « 'Viene Antonio e non rimane niente': sulla rivisitazione della canzone Onda Calabra nel film Qualunquemente », Hyper Article en Ligne - Sciences de l'Homme et de la Société, ID : 10670/1.t9wc2s


Metrics


Share / Export

Abstract It

Questo lavoro è uno studio preliminare a una critica più organica e strutturata della demonizzazione delle identità meridionali nei film Qualunquemente e Belluscone. In particolare, qui mi occupo della rivisitazione della canzone Onda Calabra del gruppo Il Parto delle Nuvole Pesanti nel film Qualunquemente. Inizialmente, descrivo il contesto originale in cui Onda Calabra è stata presentata nel documentario Doichlanda. Successivamente, confronto il testo originale di Onda Calabra col testo della versione rivisitata in Qualunquemente. In terzo luogo, prendo in esame le reazioni differenziate dei musicisti storicamente legati a Il Parto delle Nuvole Pesanti nei confronti della rivisitazione della loro canzone. In ultimo, propongo di interpretare la rivisitazione della canzone come appropriazione coloniale, alla luce del concetto di mimicry formulato da Homi Bhabha

From the same authors

Similar documents